postImage

Santa Luz – Acquisto veicolo – 2010

Pubblicato il 29-01-2012, da Il Mondo è la mia Casa

La comunità di Santa Luz è situata nel nord-est dello stato di Bahia, nella Diocesi di Serrinha. La popolazione stimata è di 35.000 persone e vive nella zona castigata dalla siccità. La situazione socio-economica è caratterizzata dallo sfruttamento della mano d’opera per l’estrazione della pietra (lavorata per la pavimentazione delle strade) e la coltivazione del sisal (pianta grassa dalla cui fibra si producono funi). Entrambi i lavori sono pericolosi e sottopagati. Unica fonte di lavoro sicuro è l’amministrazione comunale, per chi riesce ad accedervi. In queste situazioni molti uomini emigrano, soprattutto durante il periodo della raccolta del caffè, verso gli stati di San Paolo e Minas Gerais. L’assenza di lavoro e di un’adeguata istruzione agevola nei giovani una vita oziosa, a rischio di abuso di alcol e droga, con le ovvie conseguenze: violenze, furti e omicidi, prostituzioni e gravidanze precoci.
Le suore ancelle di Gesù Bambino lavorano in due quartieri periferici molto distanti tra loro e dal centro della città. La scelta prioritaria di questi quartieri è legata proprio alla distanza dalla città: le già scarse occasioni per le persone (legate al lavoro, alla sanità e all’istruzione) si riducono ancor di più poiché i mezzi di trasporto pubblici o privati sono scarsi e gli spostamenti difficili. In questi quartieri, Morro dos Lopes, le suore curano sia il sostegno allo studio sia l’accompagnamento di 100 ragazzi a una crescita sana e armoniosa e una formazione umana e religiosa. Viene fornito un pasto adeguato (spesso l’unico per i bambini che frequentano) e vengono proposte attività di ofrmazione per i genitori (nell’estate 2009 con la presenza di volontari dle Mondo è la mia casa è stato organizzato  un corso di taglio e cucito). Nel secondo quartiere, Juscelino Kubitschek, vengono seguiti 40 tra bambini e adolescenti con attività artigianali (come ricamo e pittura) e sostegno allo studio. Sono seguiti anche 15 nuclei familiari nel complesso con aiuti (grazie alle adozioni a distanza) e sostegno ai genitori. Infine le suore seguono e coordinano le attività di catechesi e formazione dei catechisti della parrocchia.
La distanza dei quartieri tra loro e dal centro della città, dove ha sede la parrocchia, rappresenta un ostacolo all’attività delle suore e dei responsabili che le aiutano: la loro presenza nei quartieri è organizzata in base alle disponibilità di trasporto e non alle esigenze delle persone, ogni spostamento che prevede l’uso di un automobile (anche per la semplice spesa) è un costo che a lungo diventa oneroso e distoglie fondi da altre finalità. Per questo motivo ci è stato chiesto l’aiuto per l’acquisto di un automobile che permetta alle suore di spostarsi autonomamente, per organizzare la propria presenza secondo le effettive necessità dei ragazzi seguiti e del lavoro da svoglere, potendo poi disporre del mezzo secondo le esigenze delle famiglie. Il preventivo è di 5.800€.

Status: FINANZIATO!