postImage

Licinio de Almeida – Ristrutturazione del dormitorio scolastico – 2015

Pubblicato il 05-03-2016, da Il Mondo è la mia Casa

Licinio de Almeida è un piccolo paese, situato nel sud-est dello stato di Bahia, in Brasile, a 800 Km dalla costa atlantica, con una popolazione di circa 12.000 abitanti in parte residenti in piccoli villaggi o singole masserie sparse su un’ampia regione. Il territorio è prevalentemente arido; il periodo della pioggia è tra i mesi di novembre e gennaio caratterizzato da scarsità e da cattiva distribuzioni delle precipitazioni. La principale attività economica è l’agricoltura e l’allevamento, che risentono della scarsità delle piogge. Con un sottosuolo ricco di manganese e ametiste, per molto tempo l’estrazione dei minerali portò lavoro alla popolazione locale e agevolò una migrazione interna, ma oggi tali attività, solitamente concentrate nelle mani di pochi, portano poco profitto e quindi le miniere vengono chiuse portando quindi a problemi di disoccupazione.
Nel 1979 un gruppo di abitanti del paese, sostenuti dal missionario padre Aldo Lucchetta, svolsero un’approfondita indagine per individuare le necessità del popolo. Notarono così che una delle principali sfide era la necessità di una scuola per i figli dei contadini: la maggior parte dei quali, infatti, finiva solo le scuole corrispondenti alle elementari poiché per continuare gli studi dovevano trasferirsi nelle città a causa dell’assenza dei successivi cicli di studio. Ospiti di amici e parenti, i ragazzini che continuavano gli studi, però, perdevano il legame con la famiglia di origine e spesso questo spostamento era il preludio dell’esodo verso le città, incentivato dai periodi di siccità che portava miseria ed alle politiche del governo che incoraggiava tali migrazioni per la costituzione di manodopera a basso costo.
Il gruppo costituì un’associazione per contrastare questa situazione e, con l’aiuto di ONG e amici, fondò nel 1983 la EFA, Escola Família Agrícola, offrendo la continuazione degli studi col secondo ciclo corrispondente alle scuole medie.
La EFA può accogliere 95 ragazzi di quattro municipalità raggiungendo 34 comunità rurali. A loro si offre il completamento degli studi privilegiando uno studio che possa rispondere alle esigenze “dell’uomo dei campi”, favorendo la promozione e lo sviluppo integrale della persona umana nell’ambiente rurale, attraverso una formazione globale in uno spirito di solidarietà. Questa forma di insegnamento si esplica in un’alternanza casa/scuola che porta i ragazzi a passare 15 giorni a scuola e gli altri 15 a casa ove applicare ciò che apprendono a scuola. In tal modo studio e lavoro sono due momenti interconnessi che favoriscono l’apprendimento e l’interazione.
La scuola non riceve finanziamenti pubblici e si mantiene attraverso donazioni private e contributi delle famiglie dei ragazzi, tali entrate sono però insufficienti.
Nel tempo la scuola ha subito i normali logoramenti dell’usura e ci hanno chiesto un aiuto per rinnovare e rendere più accogliente lo spazio vitale del dormitorio.

Abbiamo quindi deciso di sostenere l’acquisto della mobilia mentre gli operatori della scuola si incaricheranno di ristrutturare la muratura.